Come ben sapete, anche Facebook, il social più utilizzato al mondo, vi permette di fare annunci sponsorizzati finalizzati a promuovere la vostra struttura. Innanzitutto, c’è da dire che per fare una campagna su Facebook dovrete avere una Fanpage o  pagina aziendale collegata al vostro profilo personale: se non ce l’avete e non sapete fare a crearne una leggere, questo articolo di Medialabs può esservi di aiuto.

Una volta creata la vostra Fanpage, potete iniziare a promuovere la vostra attività sfruttando le funzioni di Facebook Ads. Ma quali sono i contenuti che potete sponsorizzare su questo social? Di fatto, non ci sono limiti, anche se ovviamente dovrete sempre tenere conto delle caratteristiche del vostro target e del risultato che volete ottenere:  indubbiamente, gli annunci più gettonati sono quelli che propongono offerte particolari in occasione di Ponti e Festività, oppure promozioni tipo il Prenota Prima o l’Upgrade gratuito.

Nulla vi vieta però di sponsorizzare contenuti video o d’immagine che esaltino caratteristiche e servizi offerti dalla vostra struttura; se, ad esempio, il vostro hotel ospita cerimonie o altri tipi di eventi, potreste fare dei post per promuovere verso un target ben profilato questo genere di attività. In altre parole, individuare i contenuti da sponsorizzare per una campagna su Facebook per un hotel è una cosa abbastanza semplice da fare, a patto ovviamente di avere bene a mete quali sono i punti di forza della vostra struttura.

Vediamo ora ad un punto di domanda che ci sta particolarmente a cuore perché è quello che il più delle volte determina il successo della vostra campagna su Facebook: come riuscire cioè a raggiungere utenti realmente interessati a quel tipo di offerta, di evento o di servizio che volete promuovere con il vostro annuncio.  Se l’argomento vi interessa continuate a leggere perché nei paragrafi che seguono vi daremo dei consigli molto utili per rendere molto più efficaci le vostre campagne su Facebook.

Come fare a intercettare il vostro target su Facebook

Facebook Ads rappresenta uno strumento davvero molto utile per gli hotel, e in generale per tutte le aziende, in quanto esso permette di targettizzare in modo davvero dettagliato e specifico la tipologia di utenti che volete raggiungere. Ovviamente, questo non vi da la garanzia che chi vedrà il vostro annuncio diventi poi vostro cliente ma di certo aumenta di gran lunga la possibilità che questo avvenga!

Questo è un altro dei motivi per cui è molto importante conoscere bene il vostro target: dovrete infatti essere voi ad indicare a Facebook caratteristiche sociodemografiche, interessi e comportamenti delle persone a cui vi interessa che il vostro annuncio venga mostrato! Questo è possibile attraverso gli strumenti di targetizzazione dettagliata messi a disposizione dallo stesso social.

Tralasciamo per il momento due altri aspetti fondamentali per massimizzare l’efficacia delle vostre campagne su Facebook, vale a dire la qualità dei contenuti e il budget messo a disposizione, e concentriamoci proprio sull’aspetto che abbiamo appena citato: come scegliere in modo adeguato il pubblico cui indirizzare il vostro annuncio sponsorizzato.

Cominciamo col dire che non è detto che il pubblico che scegliete di raggiungere debba coincidere per forza con l’intero vostro target: anzi, nella maggior parte dei casi, sono molto più efficaci quelle campagne in cui si scegli di promuovere contenuti per un segmento specifico del vostro target. Questo è vero non solo per una campagna su Facebook, ma in generale per ogni iniziativa di marketing che un albergatore volesse promuovere al fine di incrementare il reddito del proprio hotel.

Ciò detto, ecco alcuni consigli utili per massimizzare l’efficacia delle vostre campagne su Facebook: ovviamente, dovrete sempre calarle nel contesto del vostro hotel perché non è detto che quello che funziona per una struttura funzioni anche per un’altra!

1 Targetizzazione in base ai luoghi

Uno strumento molto efficace per gli hotel è sicuramente quello offerto dalla targetizzazione in base ai “luoghi”: oltre a poter selezionare, infatti, il paese o la città in cui risiedono le persone che volete raggiungere, che individuerete avvalendovi delle caratteristiche del vostro target o suoi segmenti, in alternativa potete anche selezionare il campo “persone che viaggiano frequentemente in un luogo” oppure “persone che di recente sono state in questo luogo” che vi permettono di intercettare utenti che sono interessati alla vostra destinazione perché l’hanno scelta o tendono a sceglierla come meta dei loro viaggi.

2 Targetizzazione in base agli interessi

Selezionare il pubblico per la vostra campagna Facebook in base agli interessi potrebbe non essere così facile come sembra: infatti, oltre a conoscere le caratteristiche del vostro target o suoi segmenti, dovrete anche valutare il tipo di offerta che state mandando e naturalmente anche il periodo dell’anno in cui vi trovate.

La cosa migliore, in questo caso, è pensare prima al tipo di offerta che volete fare sulla base del periodo dell’anno e dei servizi offerti dal vostro hotel, dopodiché individuare su Facebook il pubblico di utenti potenzialmente più interessati: se ad esempio presso la vostra struttura avete una SPA e volete raggiungere utenti che sono interessati a questo tipo di servizio, dovrete realizzare un pacchetto ad ok che includa trattamenti presso il vostro centro benessere a prezzo scontato e veicolarlo su Facebook a persone che hanno fra i loro interessi la voce “SPA” o “Terme”.

Tenete presente che se non trovate nel menù a tendina un interesse specifico, potete sempre inserirlo voi nello spazio corrispondente: Facebook in questo modo vi suggerirà anche altre voci simili che potreste inserire per circoscrivere o ampliare ancora di più il raggio di azione della vostra campagna.

3 Targetizzazione in base ad altri dati demografici

Un altro campo da non sottovalutare per la targetizzazione delle vostre campagne su Facebook è rappresentato da “dati demografici” che, a differenza degli interessi che sono attribuiti dal social in base alle azioni svolte dalle persone dentro il network, si riferisce ad informazioni inserite dagli stessi utenti sul loro profilo. Mettiamo ad esempio che abbiate creato un pacchetto rivolto in particolar modo alle coppie: in questo caso potrebbe essere utile selezionare nel campo “dati demografici” della targetizzazione dettegliata persone che, entro la voce “relazione”, in corrispondenza di “situazione sentimentale” affermano di essere “fidanzati ufficialmente”.

Volendo scendere ancora più in profondità, selezionando invece il campo “Avvenimenti importanti” sempre all’interno dei “dati demografici” potete selezionare solo utenti “Fidanzati da poco” o, scendendo più in basso, che sono invece “Novelli sposi”.

4 Targetizzazione in base ai comportamenti

Un ultimo campo, di solito poco utilizzato ma di certo molto importante, è quello dei comportamenti. Anche in questo caso, come per i dati demografici, si tratta di una classificazione che viene attribuita da Facebook in base ad azioni fatte fuori dal social: ecco perché vi consigliamo di non prenderla sotto gamba! Un esempio di targetizzazione in base ai comportamenti è di sicuro quella attuata per distinguere i consumatori di viaggi frequenti da coloro che invece viaggiano raramente:  questo lo potete fare selezionando semplicemente la voce “tutti i viaggiatori frequenti” nel footer sottostante la sezione “viaggi”. Oppure, se ad esempio la vostra struttura ad un elevato numero di prenotazioni da parte di coloro che viaggiano per lavoro e avete confezionato un’offerta in proposito,  potete spuntare la voce “Chi viaggia per lavoro”.

Come vedete le opzioni di targetizzazione offerte da Facebook per la vostra attività sono numerose e varie: anche se naturalmente non è detto che tutte si rivelino ugualmente efficaci, il nostro consiglio è quello di cominciare ad usare in modo più strategico questi strumenti e i risultati, vedrete, non tarderanno ad arrivare!